Home » Stagione » Donna di Porto Pim – Omaggio ad Antonio Tabucchi

Donna di Porto Pim – Omaggio ad Antonio Tabucchi

locandina sistemata
8 Novembre 2017. Teatro Vascello all'interno della diciannovesima edizione del Festival Flautissimo.
Voce narrante Roberto Herlitzka. Cantante Isabella Mangani. Chitarra Felice Zaccheo.
Adattamento e cure registiche Teresa Pedroni. Aiuto regia Elena Stabile. Assistenti alla regia Pamela Parafioriti, Francesco Lonano

Non so se il mare disperda le certezze… il mare come lo intendeva Pessoa è il mare dell’ode marittima, che richiamava gli antichi velieri di Coleridge, i pirati di Stevenson, il brulichio delle persone sul molo sul quale Pessoa andava a aspettare che arrivassero i vascelli dall’Oriente. Ma il mare è quello che ci mostra meglio l’orizzonte, quando noi viviamo nelle nostre case il filo dell’orizzonte è assente, sul mare lo vediamo meglio, dunque la certezza si disfa un pò come la nebbia, si sfilaccia… ”

La Serata Reading – Concerto “Donna di Porto Pim” è un omaggio al grande scrittore Antonio Tabucchi, interpretato da un virtuoso dell’arte drammatica quale Roberto Herlitzka a cura di Teresa Pedroni. Il piccolo libretto “Donna di Porto Pim” compone una geografia di frammenti immaginari e insieme biografici “nati”- dice l’autore,-“oltre che dalla sua disponibilità alla menzogna, da un periodo di tempo passato nelle isole Azzorre”. Tra gli argomenti affrontati emergono fondamentalmente le balene, che più che animali si configurano come grandi metafore. Le isole di Tabucchi sono paesaggi che si spalancano lentamente verso la dimensione metafisica, le sue balene azzurre sirene che narrano di luoghi fantastici. Nel racconto “Donna di Porto Pim” Antonio Tabucchi narra una storia drammatica e struggente, quella di un triangolo amoroso conclusosi in tragedia. Sarà Roberto Herlitzka a condurci in questo viaggio appassionato e incantato sulle onde di un mare dell’anima, un mare sognato, accompagnato dagli antichi canti delle Azzorre, rievocati dalla voce della cantante Isabella Mangani e dalla chitarra di Felice Zaccheo.

Si ringrazia per l’amichevole contributo Maria Josè de Lancastre